Esplorazione Urbana alla ricerca delle meraviglie abbandonate

Obiettivo Uno è un collettivo fotografico che da diversi anni esplora luoghi dimenticati. Questa pratica si chiama esplorazione urbana o archeologia industriale, e ha regole che seguiamo scrupolosamente.

Amiamo profondamente ciò che visitiamo, perché lo riteniamo patrimonio socio-culturale e artistico del nostro Paese, e questo amore ci spinge a raccontare attraverso l'obiettivo, e la nostra personale visione, la bellezza che riteniamo si annidi anche nel degrado dell'abbandono.

Obiettivo Uno ha visitato un considerevole numero di posti perlustrando ogni tipologia di struttura, non potendo tenerci solo per noi tanta “bellezza abbandonata” proviamo a riunirla in questo sito. Una celebrazione più che un archivio fotografico. Seguiteci alla ricerca di queste meraviglie dimenticate.

I paesi abbandonati, benché esprimano una poetica stramba e malinconica, non sono privi di una gioia speciale, quasi tattile. Toccare la superfice delle case, la loro pelle ferita e sentire in che modo resistono al tempo. In questi luoghi, se la fine è venuta è anch’essa passata: non sono città morte perché anche la morte da qui se ne è andata. I resti delle case stanno lì, imperfetti e pericolanti, come un canto alla durata.
C. Pellegrino
Obiettivo Uno-La Villa dell'Ammiraglio

La Villa dell’Ammiraglio

Villa Bucci. Una gentile brezza settembrina carezzava il suo volto rugoso e ispido d’una barba canuta. La bruma ricopriva la Murgia tutt’intorno in attesa di sciogliersi al sole che presto si sarebbe...

La villa dell’ispettore

Il cugino pugliese di “Callagan”. Giorgio P. era un tipo tosto. In Centrale lo chiamavano Callagan per via del fisico asciutto e del capello rasato alla maniera del famoso ispettore interpretato da...

L’Oleificio Costa

Quel che ne resta… L’archeologia industriale è lo studio di testimonianze del passato del processo di industrializzazione del territorio in cui sorgono, oltre alla storia affascinante che le rappresenta, la loro architettura...

Il giardino dei bimbi perduti

Il giardino dei bimbi perduti

L’asilo delle arance. L’esplorazione urbana può avere la sua routine. I riti che assistono l’urbex possono essere il viatico per una ripetitività dannosa. La colazione frugale nel silenzio della penombra di un’alba...

Un altro sito Urbex

Scoviamo l’essenza delle cose. Perché un altro sito urbex? Forse perché non ne bastano mai. Forse perché non abbiamo ancora esaurito la spinta emozionale, l’enfasi della novità. O forse stanno maturando i...

Villa Longo

L’eremo di Don Giovanni. Il Don era uomo d’ombra. Non che fosse umbratile. Tutt’altro! Le beghine come i giovani chierichetti lo amavano per la sua gioviale disponibilità e quell’ironia franca che non...